Sanremo, Beppe Vessicchio positivo al Covid

Beppe Vessicchio, iconico direttore d’orchestra e vera e propria mascotte del Festival di Sanremo, alcuni giorni fa è risultato positivo al Covid-19. Lo ha comunicato lui stesso, con una nota in cui annunciava di essere stato costretto a mandare un sostituto alle prove in teatro con le Vibrazioni. La sua partecipazione alla kermesse è quindi a rischio?

ideafashion

In realtà, Vessicchio ha ammesso di riporre speranze in una sua tempestiva negativizzazione: “Spero entro lunedì di riacquisire la libertà e poter raggiungere Sanremo in tempo per il Festival“. Nel frattempo, ha tranquillizzato i fan spiegando di avere soltanto un po’ di raucedine e confidando quindi in una rapida guarigione. Ma se così non fosse, come reagirebbero i suoi sostenitori?

LEGGI ANCHE > Sanremo 2022, la capienza sarà al 100% nel teatro Ariston

Beppe Vessicchio in questi anni è diventato una vera e propria icona del Festival di Sanremo, così come lo sono le celebri parole che lo introducono: “Dirige l’orchestra, il maestro Beppe Vessicchio”. Raramente il direttore d’orchestra ha mancato di presenziare alla kermesse e, quando lo ha fatto, il pubblico ha sicuramente sentito la sua mancanza, reclamandolo a gran voce. La speranza, quest’anno, è che effettivamente Vessicchio possa onorare il suo impegno e non lasciare delusi fan e spettatori, oltre che – ovviamente – guarire da una malattia che, purtroppo, è diventata parte della quotidianità di molti.

LEGGI ANCHE > Sanremo 2022, ecco tutte le cover e i duetti del Festival

Beppe Vessicchio Covid: c’è preoccupazione per tutti gli artisti in gara

Un vero e proprio terrore per tutti gli artisti in gara e gli organizzatori, che forse ancora più dell’anno scorso si sono ritrovati a gestire una situazione sempre sul filo del rasoio. Nel 2021 era stato Irama a soccombere, costretto a partecipare alla gara con la registrazione delle prove generali in seguito al contatto con un membro del suo staff risultato positivo. Nonostante le precauzioni e i rigidi protocolli, il rischio rimane, tanto da aver fatto preparare alla Rai un piano B in caso di contagio del conduttore e direttore artistico Amadeus. La data di inizio della kermesse, intanto, si avvicina sempre di più: riusciranno i nostri eroi ad arrivare indenni alla serata di sabato sera? Speriamo di sì.

Condividi l'articolo

Lascia una risposta