Clizia Incorvaia censurata da Instagram, ecco la foto

L’influencer ha infatti pubblicato alcuni scatti sul suo profilo Instagram al limite della rimozione per violazione delle direttive del social. Sono scatti indubbiamente sensuali grazie alla bellezza del suo corpo che ci hanno mostrato l’ex gieffina come mai prima. Immersa nel verde Clizia si mostra completamente naturale, o forse è meglio dire nature.

accademia del sapere

In un carosello che ha fatto impazzire il web, Clizia si è mostrata quasi senza veli: a coprirla sono un micro top crochet verde foresta. Proprio grazie al top all’uncinetto si può intravedere al di sotto il suo décolleté. Un tripudio alla sensualità senza tuttavia scadere nel volgare, Clizia si mostra “come mamma l’ha fatta”. Il top, in pandant con la gonna, è stato fatto a mano, firmato Mati.mi ed è stretto sulla schiena con uno spesso nastro rosa.

Amazon prime

Nella descrizione Clizia ha scritto: “SICILIANA D’ORIGINE CONTROLLATA”. Alla vista di questi scatti, i fan sono impazziti riempiendo la sezione commenti di interventi e complimenti alla bellezza dell’influencer. Alcuni si sono limitati ad emoticon di cuori rossi, espressioni innamorate e fuochi per simboleggiare la sensualità del post, altri invece si sono espressi con espressioni come “bellissima” o “meravigliosa”.

Clizia Incorvaia sexy Instagram: i commenti delle amiche e colleghe

Si sono accodate nella lunga lista di complimenti anche amiche e colleghe di Clizia. Infatti, si può notare subito il nome di Rita Rusic che non ha esitato nello scrivere: “Sexy” accompagnato da moltissime emoticon di fuochi. Subito sotto spunta il nome di fotografa nuziale dei vip Elisabetta Lily Red che si è invece espressa con un: “Meravigliosa” con espressioni innamorate. Clizia non delude mai, i suoi scatti in topless velato sono super acclamati e amati dai suoi fan. Tuttavia, post di questo genere non se ne erano mai visti sul suo profilo e ciò ha scatenato un vero e proprio boom di like e commenti per la bella attrice.

Clizia Incorvaia
Condividi l'articolo

Lascia una risposta