• 2 Luglio 2022 1:28

Elsa Lila, l’ex cantante di Sanremo arrestata per droga

Mar 17, 2022

Guai per la cantante Elsa Lila: è stata arrestata a Roma per droga. Insieme a lei sono state portati in carcere altre 8 persone, con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e cessione e detenzione ai fini di spaccio.

Elsa Lila arrestata per droga

Elsa Lila, cantante in gara al Festival di Sanremo nel 2003 e nel 2007, è stata arrestata a Roma. Di origini albanesi, l’artista aveva trovato il successo in Italia con il brano Il senso della vita. Stando a quanto riporta Il Messaggero, le persone portate in carcere dalla Polizia sono nove. L’accusa è quella di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e cessione e detenzione ai fini di spaccio.

accademia del sapere 20220518 150720

Secondo le indagini, il gruppo in questione aveva come base Acilia, ma era collegato con Roma, dove aveva un deposito di stoccaggio della droga a Primavalle, e con Viterbo.

prime

Il ruolo di Elsa Lila

Secondo gli inquirenti, Elsa Lila aveva un ruolo ben preciso all’interno dell’organizzazione criminale. La cantante era la cassiera, ovvero colei che metteva al sicuro il denaro frutto dello spaccio. Il clan italo-albanese, stando alle indagini della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma acquistava la droga, la trasportava su veicoli intestati a terzi e la nascondeva nelle case e nei box.

In ultimo, consegnava la droga agli spacciatori, che a loro volta la rivendevano ai clienti rifornendo le piazze di spaccio della Capitale e dintorni. L’arresto delle 9 persone ha portato al sequestro di oltre 100 chili di sostanze stupefacenti.

Guai per 9 persone: tra loro c’è Titty

Oltre ad Elsa Lila sono stati arrestati altri volti noti del mondo della criminalità. Tra loro c’è pugile quarantaseienne Petrit Bardhi, detto Titty della banda di Diabiolik.

L’uomo era già stato coinvolto in traffici di questo tipo tra il 2015 e il 2016 e nel 2013. In passato, Titty era associato ad Arben Zogu, detto Riccardino, e a Fabrizio Piscitelli, detto Diabolik.

Condividi sui social
Follow by Email
TWITTER
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram