Fedez operato al San Raffaele di Milano

È passata quasi una settimana da quando Fedez, attraverso alcune stories su Instagram, ha condiviso con i fan il difficile momento che sta attraversando. “Purtroppo ho un problema di salute“, ha confessato ai suoi follower, facendo immediatamente intuire che si tratta di qualcosa di grave. Da quel momento in poi le voci e le ipotesi sulla tipologia di malattia che poteva aver colpito il rapper e marito di Chiara Ferragni si sono susseguite, su molteplici canali, senza arrivare però davvero a un dunque.

accademia del sapere

Fedez stesso infatti aveva spiegato di non essere pronto a condividere maggiori informazioni sulla malattia, limitandosi a chiedere, nella giornata di ieri, un pensiero di supporto per quello che sarebbe stato uno step importante di questo percorso. Questa mattina, poi, la notizia pubblicata da Libero secondo cui il rapper sarebbe stato operato ieri presso la clinica San Raffaele di Milano. Di che cosa, non lo sappiamo, e per ora non è arrivata alcuna conferma ufficiale da parte del diretto interessato.

Amazon prime
Fedez Chiara Ferragni

Fedez malattia: che cos’ha? Tutti gli elementi fanno pensare a un tumore

Se questa notizia venisse però confermata, sommata alle parole del rapper che aveva spiegato ai suoi follower che “la malattia era stata presa per tempo”, tutti gli elementi fanno pensare che Fedez possa essere stato colpito da un tumore. Si tratta, ovviamente, di mere congetture, che si sommano a quelle fatte in un primo momento ricollegandosi a vecchie dichiarazioni del cantante. Intorno all’anno scorso, infatti, era stata diagnosticata al rapper la demielinizzazione, una patologia che porta con sé il rischio di sclerosi multipla.

Una volta appresa quindi la notizia della malattia tutti avevano immediatamente fatto riferimento a questa diagnosi e quindi pensato a una forma di sclerosi. Il riferimento però alla scoperta precoce e all’eventuale operazione, oggi cambia le carte in tavola. Nell’attesa di avere maggiori informazioni dal diretto interessato, quando e se mai lui si sentirà pronto a fornirle, noi non possiamo che augurargli una pronta guarigione, circondato dall’affetto e dall’amore della sua famiglia.

Condividi l'articolo

Lascia una risposta