Ginevra Pisani racconta la sua disavventura: “Non era influenza, ma favismo”

Condividi l'articolo

 

Ginevra Pisani e il tunnel della malattia: “Non era influenza, ma favismo”

Ginevra Pisani è tornata sui social dopo giorni di silenzio e dopo aver detto ai suoi followers di essere in ospedale. I fan si sono preoccupati molto perché dalle sue poche parole è sembrato chiaro che la situazione fosse piuttosto grave e dopo tanto silenzio Ginevra lo ha confermato con delle Instagram stories in cui ha spiegato cosa è successo.

Ginevra Pisani ospedale: la sua terribile esperienza 

Ginevra Pisani ha parlato del suo problema e ha esordito dicendo che tutto è iniziato 15 giorni fa, quando credeva di avere un’influenza,  ma la sua situazione si è aggravata al punto che il suo medico le ha detto di andare con urgenza in ospedale. Dopo essersi recata all’ospedale Sandro Pertini di Roma ha raccontato di aver passato due giorni infernali: “I dottori non hanno capito la gravità di quello che mi stava accadendo, io ero al Pronto Soccorso con 17 di bile, avevo un ittero altissimo, ero completamente gialla”. Poi ha continuato: “Dopo diverse analisi e flebo continuavano dopo 2 giorni a non capire la causa scatenante, hanno fatto anche controlli che non c’entravano niente, ma non avevano i mezzi per comprendere la causa scatenante. Intanto i miei globuli rossi si stavano suicidando, ero sempre più anemica, e i dottori con tutte le analisi che mi facevano non capivano, così ho deciso di cambiare ospedale e sono andata al Sant’Andrea.

All’ospedale Sant’Andrea, i medici hanno compreso subito quale fosse il problema. La diagnosi è il favismo, una malattia generica dove un enzima non funziona bene. L’ex professoressa ha ammesso di essere stata molto fortunata. Poi ha continuato: “Oggi ne parlo con un sorriso, anche un po’ amaro perché sto meglio e sono in via di guarigione, dovrò fare una terapia ma il peggio è passato. Vi invito a stare attenti, io non sapevo ma è piuttosto comune”.

Ricevi le ultime notizie via mail

LEGGI ANCHEChi è Rocco Hunt