Marina Di Guardo contro Chiara e Fedez per il pericoloso selfie

Per la prima volta in vita sua Marina Di Guardo, la mamma di Chiara, si è scagliata contro sua figlia e il genero Fedez. Ad averle fatto perdere la pazienza il selfie che i Ferragnez si sono scattati sull’orlo di un precipizio.

accademia del sapere

Marina Di Guardo contro Chiara e Fedez

Questa volta, Chiara Ferragni e Fedez l’hanno combinata grossa. I due, in vacanza ad Ibiza con i piccoli Leone e Vittoria e un gruppo di amici, si sono lanciati in un’impresa spericolata. Hanno partecipato ad una visita guidata per assistere al tramonto da una posizione stupenda ma altrettanto pericolosa. Non solo, i Ferragnez si sono concessi selfie e filmati mentre erano abbarbicati su una roccia a strapiombo sul mare.

Amazon prime

Ovviamente, le condivisioni social hanno alzato un vero e proprio polverone, tanto che la stessa Marina Di Guardo si è scagliata contro la figlia e il genero.

Il rimprovero di Marina Di Guardo

Tra i commenti all’impresa di Chiara e Fedez spunta quello della sorella Francesca Ferragni: “Se lo vede mia mamma…“. La ragazza si riferisce alle ultime parole che la familiare pronuncia nel video condiviso su Instagram. Marina Di Guardo, chiamata in causa, non ha perso tempo per rimproverare pubblicamente la figlia e il genero.

La scrittrice, anche se con garbo, ha tuonato:

“Esatto! L’ho visto e non ho approvato. Troppo alla sperandio… Senza scarpe adatte e cavetto da ferrata. Passaggio pericoloso e azzardato”.

Il video incriminato

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FEDEZ (@fedez)

I Ferragnez non replicano alle critiche

Anche se sono stati investiti da tantissime critiche, Chiara e Fedez hanno preferito non replicare. In molti li hanno accusati di aver condiviso l’impresa pericolosa nel momento sbagliato.

Soltanto qualche giorno fa, infatti, è morto un ragazzo sull’Altopiano di Asiago. Per aver cercato di recuperare il cellulare della sua fidanzata caduto in un dirupo, è precipitato e ha perso la vita.

Condividi l'articolo

Lascia una risposta