• 1 Luglio 2022 3:39

Verisimo, Nancy Brilli e i drammatici atti di autolesionismo: “Non riuscivo a controllare le mie emozioni”

Mar 14, 2022

L’attrice Nancy Brilli ha raccontato a Silvia Toffanin durante la puntata di Verissimo di domenica, di aver sofferto molto. La sua sofferenza negli anni l’ha portata a causarsi del dolore fisico per espiare quello emotivo. L’attrice ha raccontato di essere rimasta orfana di madre all’età di dieci anni e di ricordarsi davvero poco di lei. Nancy, in seguito alla perdita della madre, è stata cresciuta dalla nonna con cui non aveva un buon rapporto. La mancanza di affetto da parte della famiglia l’ha portata all’autolesionismo.

accademia del sapere 20220518 150720

Silvia Toffanin ha esordito chiedendo all’attrice: “Tu sei arrivata a farti del male, vero?“. Nancy, prontamente, ha risposto: “Sì. Non è bello da evocare, però per un lungo periodo della mia vita sono stata autolesionista ed è una cosa che ho riconosciuto molto tardi. Poi ho capito che cos’era con l’analisi e con tante letture, conoscendo fortunatamente persone intelligenti che me l’hanno spiegato. Non potendo in nessun modo decidere da che parte andare, controllare le mie emozioni e la mia sofferenza, la proiettavo su questo.”

prime
Nancy Brilli su Proietti a Verissimo

Nancy ha continuato: “Spostavo la sofferenza su qualcosa che potevo gestire io. Potendo gestire io il dolore e la sofferenza, mi sembrava tutto più facile. Una persona che si fa del male non sente dolore dopo un po’. Siccome ci sono tanti ragazzi che purtroppo che praticano l’autolesionismo e lo sottovalutano, mi sento proprio di dire di cercare qualcuno. Ci sono tante possibilità e persone che stanno a sentire. Anche quando ti sembra di essere solo, uno lo trovi. Non deve essere un tuo “amichetto del cuore” che ti dà ragione e basta. Io sono stata trattata in famiglia come quella strana che voleva mettersi al centro dell’attenzione. Non è così, è una cosa completamente diversa: è una necessità di gestire il dolore, altrimenti vieni sopraffatto.”

Nancy Brilli Verissimo: “Dovrebbero insegnarlo nelle scuole, fare delle lezioni”

L’attrice di Papà prende moglie ha concluso parlando dell’educazione alla salute mentale nelle scuole: “Dovrebbero insegnarlo nelle scuole, fare delle lezioni. C’è lo psicologo della scuola, ma magari il ragazzo non ci va. Dovrebbe essere il contrario: andare a raccontare che cosa potrebbe essere questo tipo di sofferenza, perché è molto diffusa. Mi ha aiutato tanto una signora che ho scoperto dopo essere una psicologa che mi ha dato dei libri da leggere. [mi ha aiutato] Una mia amica suora e tanto, tanto le letture.” Silvia, al proposito, le ha chiesto se le è mai ricapitato di ricaderci. Nancy ha risposto di sì, Però, ha ammesso di essere sempre riuscita prima a gestirlo e poi eliminarlo. Parlare di salute mentale è estremamente importante al giorno d’oggi e farlo con la schiettezza e la sincerità di Nancy potrebbe davvero aiutare le nuove generazioni.

Nancy Brilli
Condividi sui social
Follow by Email
TWITTER
Visit Us
Follow Me
YouTube
Instagram