Silvia Toffanin, per Berlusconi dovrà essere l’erede di Maria De Filippi

Secondo il settimanale Nuovo, Pier Silvio Berlusconi ha un piano per far conquistare alla compagna sempre più programmi e farla affermare in Rete come la signora Costanzo.

ideafashion

Silvia Toffanin erede di Maria De Filippi

Questa stagione televisiva è partita all’insegna di Silvia Toffanin. La conduttrice ha ottenuto un doppio appuntamento settimanale con Verissimo, in scena sia il sabato che la domenica, e un altro posto molto ambito. Stiamo parlando del bancone di Striscia la Notizia, affiancata da Ezio Greggio. Per l’ex letterina di Passaparola, il Tg satirico di Antonio Ricci è stata la prima esperienza al di fuori di Verissimo e, al momento, se la sta cavando alla grande.

Questo ingaggio, stando ad alcune indiscrezioni lanciate dal settimanale Nuovo, rientrerebbe nel piano che Pier Silvio Berlusconi ha architettato per lei.

Il piano di Pier Silvio Berlusconi

Secondo la rivista, Berlusconi starebbe cercando di far fare le ossa alla Toffanin. In questo modo, Silvia riuscirebbe ad essere l’erede di Maria De Filippi. Questo significa che Mediaset potrebbe puntare su due cavalli di razza, che garantiscono alla Rete ottimi ascolti.

Non solo, il piano di Pier Silvio sarebbe stato approvato dalla stessa signora Costanzo, che non ha mai nascosto di apprezzare tantissimo la collega. Non a caso, Maria aveva proposto alla Toffanin la conduzione di Temptation Island e Amici Celebrities. All’epoca, però, Silvia aveva rifiutato gli ingaggi perché non si sentiva pronta.

Silvia Toffanin pronta a diventare la regina di Mediaset

In tutto ciò, la Toffanin avrebbe accettato di buon grado il piano del compagno Pier Silvio.

La sua missione, quindi, è cercare di apprendere il più possibile dalla De Filippi, in modo da poterla affiancare prima e sostituire poi. E’ per questo che, nella stagione televisiva corrente, Silvia ha maggiore spazio in televisione. Insomma, il futuro di Mediaset è scritto e vede Queen Mary sostituita da Princess Toffanin.

Condividi l'articolo

Lascia una risposta