Silvio Berlusconi torna a parlare con un videomessaggio dopo un mese

Condividi l'articolo

 

Silvio Berlusconi torna a parlare con un videomessaggio: “Eccomi a voi dopo un mese”Silvio Berlusconi dopo un mese dal suo ricovero all’ospedale è tornato a parlare durante la seconda giornata di convention a Milano con un videomessaggio a Forza Italia: “Eccomi, sono qui per voi, in giacca e camicia dopo un mese. Al risveglio in ospedale mi sono chiesto… ma che ci faccio qui? La mia Marta mi ha risposto che avevo lavorato troppo”. In giacca blu, molto elegante, Berlusconi riappare lucido ma affaticato, a volte si blocca si incespica ma riesce con disinvoltura ad arrivare alla fine del suo discorso che ha riscosso moltissimo successo con tanto di standing. ovation.

Silvio Berlusconi salute: il leader torna con un videomessaggio dall’ospedale

Ad aprile, l’ex Premier è stato ricoverato d’urgenza all’Ospedale San Raffaele per una brutta polmonite che avrebbe aggravato la sua condizione. Infatti, Silvio Berlusconi ha la leucemia da tempo, una condizione che al tempo non era ancora nota al pubblico e che ha acceso la preoccupazione dei suoi sostenitori. Ad oggi però sembra essersi ripreso, quasi completamente, e, come ha affermato nel suo discorso, presto uscirà dal reparto e tornerà tra le fila del suo partito.

Eccomi, sono qui per voi, per la prima volta in camicia e giacca dopo oltre un mese. Qualche notte fa, qui al San Raffaele mi sono svegliato improvvisamente con una domanda in testa che non riuscivo a mandare via. ‘Ma come mai sono qui? Ma che ci faccio qui? Per cosa sto combattendo io qui?’. Vicino a me vegliava la mia Marta. Anche a lei posi la stessa domanda. ‘Perché siamo qui?’. E lei mi disse “Siamo qui perché hai lavorato tanto, ti stai impegnando molto perché per salvare la nostra democrazia e la nostra libertà’. E questo voglio ricordarlo, voglio raccontare anche a voi quel che ho pensato e passato, anche se so che il farlo mi emozionerà davvero. Forza Italia è per noi come una religione laica, la religione della libertà di cui parlava Benedetto Croce, una religione del cuore, della mente, un impegno verso noi stessi, i nostri figli, gli italiani. Mi raccomando, andiamo avanti così, con convinzione, entusiasmo, passione. Nessuno riuscirà a sconfiggerci, vedrete che gli italiani ci considereranno i loro santi laici, i santi della loro libertà e del benessere.Sarò con voi con lo stesso entusiasmo e lo stesso impegno del ’94, il futuro è delle nostre idee, il futuro ci deve garantire una vera e completa libertà. […]

Cari amici, cari azzurri, in queste settimane ho sentito l’affetto e la partecipazione di tante persone, anche di nostri avversari politici, e naturalmente li ringrazio tutti. Ma il vostro affetto, è il vostro abbraccio quello che più mi ha aiutato a superare una polmonite pericolosissima.

LEGGI ANCHE > Gabriella La Torre Uomini e Donne Over chi è: Età, lavoro e Instagram

Ricevi le ultime notizie via mail