GF Vip, Stefano Bettarini contro Alfonso Signorini e la redazione: “Despota, storie finte”

A quasi due anni dalla sua squalifica dal GF Vip Stefano Bettarini sembra avere ancora il dente avvelenato con Alfonso Signorini e il suo reality show e sui social si è lasciato andare a un duro sfogo.

Stefano Bettarini contro Alfonso Signorini

Stefano Bettarini è tornato a scagliarsi pubblicamente contro Alfonso Signorini in vista dell’ingresso del TikToker Antonio Medugno all’interno della Casa di Cinecittà. “Questo programma prima era un viaggio introspettivo: un percorso alla scoperta dei personaggi stessi… Con le loro fragilità, le loro debolezze e perché no, i loro errori. Sicuramente qualcosa di molto più credibile e interessante. Oggi invece non conta più quello che avviene nella casa, ma chi CONDANNERÀ o ASSOLVERÀ il “DESPOTA”all’interno del programma, con storie finte, gossip dando fine a quello che ERA un programma con contenuti.

accademia del sapere

Da GF Vip a MARKETTE…. Peccato non ci sia Chiambretti”, ha tuonato l’ex calciatore, che fu squalificato dal reality show per una presunta bestemmia (e che lui ha sostenuto essere un comune intercalare toscano).

Amazon prime

Leggi anche: GF Vip, Lulù provoca Baru’ nominandolo: “Se ti piace Jessica non ti devi nascondere”

Stefano Bettarini e Filippo Nardi

Il commento di Stefano Bettarini sui social ha ricevuto “l’approvazione” di un altro ex concorrente (squalificato) del GF Vip, Filippo Nardi, che ha postato alcune emoticon a forma di applauso e ha scritto: “Ma questo chi è uno spogliarellista?”, in riferimento al nuovo concorrente del reality show Antonio Medugno.

Stefano Bettarini: lo sfogo

Già in passato Bettarini aveva usato i canali social per scagliarsi contro Alfonso Signorini, affermando che il suo reality show non fosse meritocratico né tantomeno autentico.

“Ci si aspettava da te, conduttore e condottiero, uomo che aveva grandi responsabilità verso il pubblico sovrano, imparzialità e coerenza, avresti dovuto dare il giusto esempio. Tu che ti sei prestato e chinato al gioco dei potenti, tu e soltanto tu, che ancora una volta hai dimostrato, se mai ve ne fosse ancora bisogno, di essere abilissimo a pescare nel torbido per accaparrare consensi, tu che sei passato costantemente dove l’acqua era più bassa.

Tu che a più riprese mi hai attaccato dall’alto di una telecamera e senza darmi mai diritto di replica, atteggiamento di una bassezza infinita, ma d’altronde lo so, ti piace vincere facile. Ci si confronta con gli stessi strumenti. Ma questo vale per chi ha le palle!”, aveva tuonato Bettarini.

Condividi l'articolo

Lascia una risposta